Museo Civico Villa dei Cedri Bellinzona Logo Museo Civico Villa dei Cedri Bellinzona

Ritorna

Condividi  

Massimo Cavalli

1930

Sette dipinti ad olio, acquarelli, tempere, una tecnica mista su carta, circa centotrenta fogli a stampa, compresi quattro monotipi, e alcune edizioni originali compongono l'importante presenza di Cavalli al museo. Dagli anni Cinquanta agli Ottanta, la pittura è rappresentata per stacchi decennali. A documento degli esordi dell'artista vale Vaso con fiori (acquisizione 1996), motivo di ricordo morandiano, la cui salda struttura è intaccata dall'irruenza segnica e dal rilevarsi della materia. Sciolto il rapporto con il referente, Figure, 1963 (donazione dell'artista 1996), è impostato su di una luce trascorrente e nella sua liricità mostra di essere vicino alla contemporanea ricerca di Gianfranco Fasce. Composizione, 1974 (deposito dell'artista 1996) esemplifica un momento di ricerca circoscritto in cui Cavalli riprende e ribadisce un rapporto necessario con la natura, collegandolo ad una strutturazione circolare che, in retrospettiva e perlomeno in tale ampiezza, appare essere esaurita in quel decennio. Nella sua frontalità e impostazione verticale, Contrappunto, 1985 (acquisizione 1990) condivide il dato che con perentorietà si rivela come maggiormente tipico e sostanziale per l'artista. Con gli anni Novanta, Cavalli – ogni nuova opera del quale avanza e rinnova un percorso straordinariamente sorvegliato – apre un capitolo entusiasmante nella sua pittura: tele, in genere di grande formato e tendenzialmente monocrome – solo interessate dall'intervento fendente della luce – dichiarano la radicalità e la dominante componente speculativa della sua ricerca. Di questa fase viva, il museo possiede tre oli Senza titolo: uno datato 1990 (donazione Amici di Villa dei Cedri 1993), uno del 1992 e uno del 1993 (entrambi: deposito dell'artista 1996). In analogia e in conferma, il percorso documentato nell'ampia scelta di grafica in collezione (la cui estensione rappresentativa si deve alla generosa adesione dell'artista alla costituzione del fondo, con il dono di un centinaio di stampe – nonché di altri lavori, donati o depositati): dalle prime prove del 1954, con le quali inizia la storia di Cavalli, fino a quelle dei nostri anni è descritta un'opera tra le più essenziali, rigorose e di valore assoluto. Campione dell'acquaforte, Cavalli solo gradatamente e con ponderatezza le affianca altre tecniche: la puntasecca, l'acquatinta, la litografia, l'uso di strumenti come la rotella o la percussione e la novità del collograph, da cui pagine di grande impatto nelle quali si congiungono pittura e grafica.

Biografia
Nato a Locarno nel 1930 e cresciuto a Bellinzona, Massimo Cavalli si diploma all'Accademia di Brera a Milano nel 1954. Tra il 1960 e il 1961, ospite dell'Istituto svizzero, è a Roma, dove conosce Mafai, Leoncillo e l'incisore Ciarrocchi. Dal 1962, quando installa uno studio a Milano che manterrà fino al 1980, la sua attività si svolge tra la capitale lombarda e il Ticino. A Milano conosce e frequenta i colleghi Della Torre, Olivieri, Vago, Lavagnino, Repetto e Gianfranco Fasce. In rapporto alla sua attività grafica e al suo interesse per le edizioni originali, collabora con gli stampatori-editori Upiglio e Scheiwiller; dal 1954 al '60, per la stampa delle proprie lastre, si rivolge a Mario Marioni, ticinese abitante a Milano; in seguito, fino al 1967 stampa da sé, poi subentra Upiglio; recentemente Gianstefano Galli, Franco Masoero e, per le litografie, Edmond Quinche. Pittore e incisore, ha realizzato anche pitture murali e fornito disegni per mosaici, vetrate e per un arazzo. Scelto e di qualità il percorso espositivo, che negli anni milanesi registra le significative tappe alla Galleria Annunciata (1963) e alla Galleria del Milione (1967); fra le esposizioni più recenti si segnalano quelle di Milano, alla Galleria Bergamini (1993), di Torino, Franco Masoero Edizioni d'arte (1993) e quella presso il Cabinet des estampes al Museo Jenish di Vevey nel 1996. Insegnante di incisione al Centro scolastico industrie artistiche (CSIA) a Lugano dal 1974 al '92, nel 1990 Massimo Cavalli è nominato membro della Commissione cantonale delle belle arti. Vive e lavora a Lugano-Massagno.

Per approfondimenti vedi il sito www.sikart.ch

Massimo Cavalli i (Locarno 1930)
Senza titolo, 1993
olio su tela, 160.5 x 110.2 cm
Museo Civico Villa dei Cedri, Bellinzona
Massimo Cavalli (Locarno 1930)
Vaso con fiori, 1955
olio su tela, 80.5 x 50 cm
Museo Civico Villa dei Cedri, Bellinzona
Massimo Cavalli i (Locarno 1930)
Senza titolo, 1987
collograph e puntasecca su aluman, 68.5 x 49.5 cm
Museo Civico Villa dei Cedri, Bellinzona
Massimo Cavalli i (Locarno 1930)
Memoria II, 1978
aquarello su carta a mano, 75 x 55.5 cm
Museo Civico Villa dei Cedri, Bellinzona
Massimo Cavalli i (Locarno 1930)
Figure, 1963
olio su tela, 120.5 x 70.5 cm
Museo Civico Villa dei Cedri, Bellinzona