Museo Civico Villa dei Cedri Bellinzona Logo Museo Civico Villa dei Cedri Bellinzona

Ritorna

Condividi  

Un’arte per tutti? Interventi artistici nell’architettura pubblica in Ticino 1930 — 2000

Museo Civico Villa dei Cedri
28 novembre 2010 — 20 marzo 2011

Stazione Ferroviaria, Chiasso

Palazzo Civico, Lugano

Biblioteca Cantonale, Lugano

Palazzo delle Dogane Chiasso-Strada

Tribunale Penale Federale, Bellinzona

Nuovo Palazzo del Governo, Bellinzona

Scuola Media, Locarno

Sede RSI, Comano

Centro Sportivo Nazionale, Tenero

Piazza d’Armi, Airolo

Palazzo Franscini, Bellinzona

Paolo Bellini — Livio Bernasconi – Giuseppe Bolzani — Mariapia Borgnini e Daniele Garbarino — Davide Cascio ­Massimo Cavalli — Pietro ChiesaUgo Cleis — Charles-François Duplain e Yves Tauvel — Aldo Ferrario Felice Filippini — Rosetta LeinsMargherita Osswald-Toppi Flavio Paolucci — Titta RattiRemo Rossi — Pietro SalatiAlberto Salvioni — Pierino SelmoniPeter Travaglini — Teres Wydler

 

L’esposizione affronta per la prima volta in Ticino il tema degli interventi artistici eseguiti in occasione della costruzione o ristrutturazione di edifici pubblici: quello che in tedesco si definisce «Kunst am Bau», un concetto legato alla promozione artistica da parte dello Stato. Creatività degli artisti ed esigenze degli architetti, aspettative del pubblico e volontà di comunicare determinati messaggi da parte dei committenti sono alcune delle questioni che contraddistinguono il rapporto, non sempre facile, tra arte e architettura negli spazi pubblici.

 

Il progetto espositivo e la pubblicazione che lo accompagna intendono stimolare la riflessione su questo rapporto, cercando di illustrarne la complessità e i diversi aspetti sull’esempio di una trentina di interventi artistici eseguiti in Ticino dagli anni Trenta del XX secolo fino ad oggi. Realizzate in seguito a concorsi o incarichi diretti, queste opere spaziano dall’affresco al mosaico, dalla scultura all’installazione. Si trovano in undici edifici pubblici, significativi per la varietà dei temi progettuali con i quali gli artisti si sono confrontati nel corso del tempo con orientamenti e stili diversi. Opere d’arte che accolgono una grande sfida: sotto gli occhi di tutti, devono confrontarsi quotidianamente, e per molto tempo, con un vasto pubblico.

 

La mostra focalizza l’attenzione sul processo creativo che precede l’opera d’arte compiuta. Nelle sale del Museo si può così ripercorrere la genesi dei progetti artistici attraverso schizzi, bozzetti, modelli, fotografie e documenti — per lo più inediti — reperiti in collezioni e in archivi pubblici e privati. Questo ci consente di varcare idealmente la soglia degli atelier e di cogliere i diversi approcci nell’elaborazione di un lavoro artistico. La mostra vuole inoltre esortare a scoprire le opere compiute, situate in tutto il Cantone da Airolo a Chiasso, instaurando così un legame tra il Museo e il territorio.

 

A cura di Simona Martinoli

 

 

Sostenuta da:

-    Reppublica e Cantone Ticino, Fondo Swisslos

-    Migros Percento Culturale

-    Associazione Banche della Piazza Bellinzona

Serge Brignoni durante l’esecuzione del dipinto murale “Le Onde”, sede RSI di Comano, Fotografia del 1975; Fonte: Giuseppe Curonici, Serge Brignoni, Editions Galerie “zem Specht”, Basilea 1980, p. 35: ill. n. 69.
Pietro Chiesa, I maestri comacini, 1936-1937, dipinto murale Palazzo civico di Lugano, 3.5 x 1.6 m ciascuno, Collezione Città di Lugano, Archivio fotografico del Dicastero attività Culturali Città di Lugano
Pietro Salati, Bozzetto motto “Meditazione” per il mosaico in pietra “Candidezza”, Biblioteca cantonale di Lugano, guazzo su carta applicata su cartone, 41 x 71 cm, Collezione privata © Foto: Claudio Berger, Minusio